migliori-conti-correnti-settembre-670x280-600x250Rientrano nella categoria di investimenti alternativi tutti gli investimenti che non possono essere catalogati all’interno della sezione “tradizionale”. Cerchiamo di chiarire meglio la questione accennando alle linee guida principali di questi investimenti.

Vediamo alcune caratteristiche principali degli investimenti alternativi: 

– Non seguano nessun benchmark

– Possiedono una volatilità di ritorni alta

– Il loro potenziale di rendimento è molto alto e di conseguenza è altrettanto alto il rischio

– In linea di massima la clientela degli investimenti alternativi è molto ricca oppure è formata da investitori istituzionali.

– Per partecipare a un investimento alternativo la quota minima da versare è 500 mila euro.

– Vengono gestiti da colui che sceglie le tipologie d’investimento.

– Non ci sono vincoli di regolamenti.

Tra i principali investimenti alternativi possiamo trovare i prodotti strutturati ma anche i fondi immobiliari. Il rischio è molto alto ma di conseguenza sale alle stelle la possibilità di un ottimo rendimento.

Perché fare un investimento alternativo? Semplicemente perché l’investitore in questo modo riuscirà a costruirsi un portafoglio diversificato. Aumentano gli effetti positivi dello stesso e di conseguenza l’investitore verrà preso in considerazione praticamente sempre.

Articolo tratto da: aprire un conto